Al momento il tuo carrello è vuoto Carrello
anno 2 - N° 00
Visitatore n° 378404
POESIA ITALIANA : Scipione (Gino Bonichi)

POESIA ITALIANA : Scipione (Gino Bonichi)

21 Aprile 2017
Gino Bonichi (1904-1933), è noto alla storia dell’arte come Scipione, il massimo pittore della cosiddetta “Scuola Romana”. Nato a Macerata, trasferitosi a Roma fin da giovane, tra il 1929 e il 1930 realizza i suoi lavori più importanti. In quegli stessi anni scrive dieci poesie che lo testimoniano come il poeta italiano più eccentrico e limpido del secolo scorso. Le abbiamo di recente ripubblicate in un’edizione a cura di D. Brullo accompagnate dalle riproduzioni a colori di dieci suoi celebri dipinti.
«Versi incisi a fuoco, scritti con la lucidità del profeta, di chi sa l’epica che ci attende oltre la carne. “Tutto ci abbandona a nostra insaputa”; “Sento gli strilli degli angioli/ che vogliono la mia salvezza”; “Mise le mani per terra ed era simile/ ad una bestia”; “Nessuno t’aspetta/ e tu meravigli i boschi illuminandoli”. Rivelazioni solari di angeli in casgnesco, di pietre nella cui orbita d’insetti si accumula Dio. Nessuno sa, nel tracollo della poesia del Novecento, la semplicità salvifica di Scipione.» (Dall’introduzione di D. Brullo)




Estate 
 
La terra è secca, ha sete
e si spacca.
Sui labbri dei crepacci
le lucertole arroventate
corrono in fiamme.
Le stelle cadono accese
Per bruciare il mondo,
ma nessuno tende le mani per abbracciarle
e si smorzano, tuffandosi nel buio.
La carne cerca nelle carni
le sorgenti
e trova gli occhi
che si schiudono come fiori.
E la sonagliera dei grilli,
la notte,
ci porta incontro al sole
che ci trafiggerà
con le sue mille frecce.
Aspetto che finisca
e nell’attesa
mi sento abbacinato
come un foglio bianco
su cui picchi il sole.
La terra è secca, ha sete
e la notte è nera e perversa.
Cristo, dalle da bere,
ché vuol peccare
e farsi perdonare.
 
 
 
 
 
 
«Tutto ci abbandona…» 
 
Tutto ci abbandona a nostra insaputa.
Il sangue corre nel cerchio chiuso.
Le membra del giovane sono belle,
la sua mente è chiara e serena,
ma i vizi degli altri scrivono in nero
e nei laghi degli occhi
nuotano le anguille cattive.
La canna leggera, verde e bianca,
non sa dove appoggiarsi
ma non può cadere.
Le giunture si piegano con mollezza:
tutto si realizza e tutto si perde.





da Scipione (Gino Bonichi). Le stelle cadono accese, Raffaelli Editore 2017
 
“Terza Pagina” è una rivista internazionale di cultura contemporanea diretta dall’editore Walter Raffaelli per gli amici della sua casa editrice.

La collaborazione è per invito.

Le opinioni espresse dagli autori non necessariamente riflettono le posizioni dell’editore, né quelle dell’editore sono da intendersi sempre condivise dai collaboratori della rivista.
Tutti i diritti sono comunque e sempre riservati.
© Copyright by Raffaelli Editore - Rimini 2016
RAFFAELLI
EDITORE
Contact
info@terzapagina.com

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter.




Raffaelli Editore

Vicolo Gioia 10 47921 - Rimini (Italia)
Tel (+39) 0541 21552 P.iva 02181230406
Copyright © 2012 by Raffaelli Editore, Rimini :: Tutti i diritti riservati :: Privacy
Software Commercio Elettronico by Pianetaitalia.com