Al momento il tuo carrello è vuoto Carrello
anno 2 - N° 04
Visitatore n° 378402
POESIA INGLESE : Zoë Skoulding

POESIA INGLESE : Zoë Skoulding

24 Dicembre 2017
«Una delle più belle cose che possono capitare a chi come me frequenta festival di poesia è la sorpresa dell’incontro con autori con i quali si condivide l’esperienza. Nello scorso mese di settembre, al festival “Luna de Locos” di Pereira, in Colombia, fra i diversi poeti di diverse nazionalità, ho avuto il piacere di incontrare Zoë Skoulding e ne sono rimasto affascinato. Ho pensato subito di condividerne con i lettori dell’Almanacco gli effetti di quell’incontro.» (W. Raffaelli)
Zoë Skoulding è poetessa, critico, performer e traduttrice, e dal 1991 vive nel nord del Galles. Sue recenti raccolte di poesia sono Remains of a Future City (Seren, 2008), The Museum of Disappearing Sounds (Seren, 2013), inserito nella rosa dei candidati per il Ted Hughes Award for New Work in Poetry, e Teint: For the Bièvre (Hafan Books, 2016).
 from The rooms



Room 321

When entering the room you’re forever
in the same place as other rooms forget
themselves
                 repeating the distance from door
to bed
         chair to window
                           window to floor
to mirror

            Here you are overcome by
your love of mirrors as the slow movement

underneath the surface becomes your skin

In the force field of possible lives you
take three steps to the centre of the stained
blue carpet

                                It’s here that everything
is happening twice
                            once in the body
and once in the words for it
                                        and there’s no
escaping that song in your head
           the one
that was in the room and is now in you





da Le stanze


Stanza 321

Quando entri nella stanza rimani per sempre
nello stesso posto mentre le altre stanze si
dimenticano di sé stesse
                           ripetendo la distanza dalla porta

al letto
           dalla sedia alla finestra
                                      dalla finestra al pavimento
allo specchio

                    Qui vieni sopraffatto dall'
amore che nutri per gli specchi mentre il lento movimento
sotto la superficie diventa la tua pelle

Nel campo di forza delle vite possibili tu
fai tre passi al centro del tappeto blu
macchiato

               È qui che tutto
accade due volte
                         una volta nel corpo
e una volta nelle parole per dirlo
                                         e non c’è via d’uscita
dalla canzone nella tua testa
     quella
che era nella stanza e ora è dentro di te





Room 201

When entering the room he’s listening
for the two silences
                            the one inside
and the one outside the window
                                             still air
settled over plumbing and the vague
hush of wind or traffic
                               the way they
fight each other in his ear

                                    If there is
a third silence in the high-toned hum of
blood
        he’s paying no attention

                                          Every
cell sings yesterday
                             behind the slow drowse
of numbers multiplying secretly
at his fingertips

                      Every different room
becomes the same in every sameness changed
where sleep undoes the hook
                                          unlocks
the eye that opens in the wall between us






Stanza 201

Quando lui entra nella stanza ascolta
i due silenzi
                 quello dentro
e quello fuori dalla finestra
                                      aria immbobile

fissata sulle tubature e l'indistinta
quiete di vento o di traffico
                                       il modo in cui
si combattono a vicenda nel suo orecchio

                                        Se c'è.
un terzo silenzio nell'acuto ronzio del
sangue
          lui non ci fa caso

                                   Ogni
cellula canta il giorno che fu
                             dietro il lento sonnecchiare
dei numeri che si moltiplicano in segreto
sulla punta delle dita

                               Ogni stanza diventa
la stessa in ogni mutata monotonia
dove il sonno si sgancia
                                   sblocca
l'occhio che s'apre nel muro fra noi








Da: Almanacco dei poeti e della poesia contemporanea n. 5 (2017), Raffaelli Editore.



 
“Terza Pagina” è una rivista internazionale di cultura contemporanea diretta dall’editore Walter Raffaelli per gli amici della sua casa editrice.

La collaborazione è per invito.

Le opinioni espresse dagli autori non necessariamente riflettono le posizioni dell’editore, né quelle dell’editore sono da intendersi sempre condivise dai collaboratori della rivista.
Tutti i diritti sono comunque e sempre riservati.
© Copyright by Raffaelli Editore - Rimini 2016
RAFFAELLI
EDITORE
Contact
info@terzapagina.com

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter.




Raffaelli Editore

Vicolo Gioia 10 47921 - Rimini (Italia)
Tel (+39) 0541 21552 P.iva 02181230406
Copyright © 2012 by Raffaelli Editore, Rimini :: Tutti i diritti riservati :: Privacy
Software Commercio Elettronico by Pianetaitalia.com