Al momento il tuo carrello è vuoto Carrello
anno 2 - N° 14
Visitatore n° 378403
POESIA COLOMBIANA : Giovanny Gómez

POESIA COLOMBIANA : Giovanny Gómez

1 Settembre 2017
Giovanny Gómez (Bogotá, Colombia, 1979) è fondatore e direttore della rivista di poesia “Luna de Locos” e del Festival Internazionale di Poesia che proprio in questi giorni si sta svolgendo a Pereira, dove è anche promotore culturale della Camera di Commercio e direttore del laboratorio “La Poesia è un Viaggio”.
Oggi lo omaggiamo con tre poesie estratte dall’ultima raccolta personale che ha redatto per noi, Una parola come casa / Una palabra como casa, tradotta da Gianni Darconza. Ricordiamo che il suo libro Casa de Humo ha ricevuto il Premio Nazionale di Poesia María Mercedes Carranza nel 2006 e il Premio Letras del Mundo nel 2012 della casa editrice messicana Ediciones sin Nombre. Con il suo secondo libro Lo Invisible è vincitore della Colección Escritores Pereiranos. Le poesie contenute in questi due volumi sono antologizzate nella raccolta Parole che sanno mordere nei sogni / Palabras que saben morder en los sueños, da noi pubblicata nel 2015 nella traduzione di Emilio Coco.




LAS PROPIAS PALABRAS

Si el amor nos pierde
y su vacío sigue acumulándose en mí
los días pasan
solo cabellos escapan por el grifo
y cada instante se vuelve dedos que el tiempo tuerce
adivinando un destino
como si el olvido se simplificara
en la luz de unos ojos

 
 


 
LE PROPRIE PAROLE

Se l’amore ci perde
e il suo vuoto continua ad accumularsi in me
i giorni passano
solo capelli scappano dal rubinetto
e ogni istante diventa dita che il tempo ritorce
indovinando un destino
come se l’oblio si semplificasse
nella luce di alcuni occhi
 
 
 
 





IMPACIENCIA

Para que mi vida no se separe del cuerpo
concédeme a lo largo de este silencio
una manera de verme
ahora que el abandono dice un destino
ahora que las heridas mortales
participan de esos días en los cuales volvemos a cantar
 
 

 
 
IMPAZIENZA

Affinché la mia vita non si separi dal corpo
concedimi lungo questo silenzio
un modo di vedermi
adesso che l’abbandono dice un destino
adesso che le ferite mortali
partecipano di quei giorni in cui torniamo a cantare
 
 
 






PALABRAS PARA DESPERTAR

Por una calle oscura de Bogotá DC
un muchacho me dice que no puedo amarlo
y de nuevo un silencio extraviado recorre los techos en la
     mirada
Sé que es mío el viejo sobre una camilla por el corredor
     del hospital
él que desoye las enfermeras y maldice la mediocridad de
     esta vida
la fortuna que no llega la impertinencia de la muerte
pero la voluntad de las formas se vuelve gris entre los
     cristales perfectamente limpios
A veces el sol languidece bajo aguas que no se mezclan con
     la lluvia
el recuerdo trae un pedazo de carne caliente a la mesa
está envuelta en periódico
 y el sudor grasoso que deslíe las noticias de días pasados
avanza como esta mancha de gente en la luz del semáforo
Una flor de amapola pesa cuando cierro los ojos
canoas navegando amarran los vientos en mis palabras
pero hojas de plátanos teñidas de sangre remozan sus flores
como si el tigre listo a devorarme abriera sus ojos
y yo pudiera en su camino ver mi rostro
 

 
 

 
PAROLE PER SVEGLIARSI

In una strada oscura di Bogotà DC
un ragazzo mi dice che non posso amarlo
e ancora il silenzio smarrito percorre i tetti nello sguardo
So che è mio il vecchio su un lettino nel corridoio
     dell’ospedale
lui che ignora le infermiere e maledice la mediocrità di
     questa vita
la fortuna che non arriva l’impertinenza della morte
ma la volontà delle forme si fa grigia tra i vetri perfettamente
     puliti
A volte il sole langue sotto acque che non si mescolano con
     la pioggia
il ricordo trae un pezzo di carne calda a tavola
avvolta in un giornale
e il sudore grasso che dissolve le notizie di giorni passati
avanza come questa macchia di gente alla luce del semaforo
Un fiore di papavero pesa quando chiudo gli occhi
canoe che navigano annodano i venti nelle mie parole
ma foglie di banane tinte di sangue rinnovano i loro fiori
come se la tigre pronta a divorarmi aprisse i suoi occhi
e io potessi nel suo cammino vedere il mio volto

 
 



 
Da: Giovanny Gómez, Una parola come casa / Una palabra como casa, traduzione di Gianni Darconza, Raffaelli Editore 2017.

 
 
“Terza Pagina” è una rivista internazionale di cultura contemporanea diretta dall’editore Walter Raffaelli per gli amici della sua casa editrice.

La collaborazione è per invito.

Le opinioni espresse dagli autori non necessariamente riflettono le posizioni dell’editore, né quelle dell’editore sono da intendersi sempre condivise dai collaboratori della rivista.
Tutti i diritti sono comunque e sempre riservati.
© Copyright by Raffaelli Editore - Rimini 2016
RAFFAELLI
EDITORE
Contact
info@terzapagina.com

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter.




Raffaelli Editore

Vicolo Gioia 10 47921 - Rimini (Italia)
Tel (+39) 0541 21552 P.iva 02181230406
Copyright © 2012 by Raffaelli Editore, Rimini :: Tutti i diritti riservati :: Privacy
Software Commercio Elettronico by Pianetaitalia.com