Al momento il tuo carrello è vuoto Carrello
anno 3 - N° 21
Visitatore n° 378404
POESIA ARGENTINA : Leopoldo Castilla

POESIA ARGENTINA : Leopoldo Castilla

12 Agosto 2018
Con il settantesimo numero della nostra Terza Pagina torniamo a segnalare un nuovo poeta, questa volta un argentino. Il suo nome è Leopoldo Castilla ed è nato a Salta, Argentina. Nel 1976 decise di allontanarsi dal suo paese perché perseguitato dalla dittatura militare. Oggi risiede a Buenos Aires. Leopoldo Castilla è poeta forte e particolarmente prolifico. La sua poesia è stata tradotta in inglese, francese, tedesco, italiano, svedese, portoghese, cinese, turco, macedone e russo, e ha ricevuto riconoscimenti sia a livello nazionale che internazionale. Recentemente l’Accademia Argentina delle Lettere ha premiato Tiempos de Europa (Buenos Aires, El Suri Porfiado, 2014), come il miglior libro di poesia pubblicato nel triennio che va dal 2013 al 2015. Presto daremo alle stampe una sua corposa antologia che abbraccia gran parte della produzione poetica di Leopoldo Castilla, dal 1982 al 2017. Di seguito due poesie tratte dalle sue più recenti raccolte.




DUDA
 
 
Después de cruzar la tempestad,
haberlo visto todo
y perdido la razón
la calavera, responde:
 
no, Hamlet,
                   ser y no ser,
                     simultáneamente,
                                                 esa es la cuestión.
 

 




 
DUBBIO
 
 
Dopo aver attraversato la tempesta,
aver visto tutto
e perso la ragione
il teschio risponde:
 
no, Amleto,
                   essere e non essere,
                      simultaneamente,
                                                 è questo il problema.
 
 
 
 Da Poesón (al universo), 2016.

 





 
 
EL PRIMER HOMBRE
 
 
Lo rodean
el pavor,
el ultraje del polvo
                               y las hormigas.
 
Sale del cubil. Se alza
sostenido por su propio abismo.
Siglos
        durará el día  en que se irguió,
siglos en cerrarse
a sus espaldas
el precipicio.
 
Ya el olfato se volvió memoria,
el vértigo
              ojo
y campo abierto el aullido.
 
No sabe si es el primero
o el último.
De pie, al borde,
para siempre,      
                            en todo lo que mire
verá lo que se ha ido.
 
Desunido de la noche
conoció la luz
y su propia sombra
que no es de este mundo.
 
Inefable, todavía,
tocó el abstracto decidido de la roca,
se vio en las otras bestias
con otra forma
                 aparecido.
 
Y escuchó por primera vez cantar un pájaro
y nunca más volvió a ser el mismo.
 
Dura aquí, en una caja nocturna
del Museo de Nairobi, entre los fantasmas.
de los animales.
 
Junto a sus huellas que el volcán retuvo
marchan, todavía, las de su hijo.
 
Somos tú y yo, sin nombre
en el mismo camino,
la misma luna vieja
deshuesándonos
                        y al final lumbreras
que alguien saldrá a ver
          mirando la noche,    
                                        desconocido.
 

 



 
IL PRIMO UOMO
 
 
Lo circondano
il panico,
l’oltraggio della polvere
                                      e le formiche.
 
Esce dalla tana. Si alza
sostenuto dal suo stesso abisso.
Secoli
          durerà il giorno in cui si eresse,
secoli a chiudersi
alle sue spalle
il precipizio.
 
Già l’olfatto è diventato memoria,
la vertigine
                 occhio
e campo aperto l’urlo.
 
Non sa se è il primo
o l’ultimo.
In piedi, sull’orlo,
per sempre,
                         in tutto ciò che guarda
vedrà ciò che se n’è andato.
 
Separato dalla notte
conobbe la luce
e la sua propria ombra
che non di questo mondo.
 
Ineffabile, ancora,
toccò l’astratto deciso della roccia,
si vide nelle altre bestie
in un’altra forma
                           apparso.
 
E sentì per la prima volta cantare un uccello
e non tornò mai più a essere lo stesso.
 
Dura qui, in una cassa notturna
del museo di Nairobi, tra i fantasmi.
degli animali.
 
Vicino alle sue orme che il vulcano trattenne
camminano, ancora, quelle di suo figlio.
 
Siamo tu e io, senza nome
sulla stessa strada,
la stessa luna vecchia
disossandoci
                   e alla fine fonti luminose
che qualcuno uscirà a vedere
            guardando la notte,
                                            sconosciuto.


 
 
Da Ngorongoro, 2017.
 
 





 
Da: Leopoldo Castilla, Antologia poetica, traduzione di E. Coco, Raffaelli 2018.

 
“Terza Pagina” è una rivista internazionale di cultura contemporanea diretta dall’editore Walter Raffaelli per gli amici della sua casa editrice.

La collaborazione è per invito.

Le opinioni espresse dagli autori non necessariamente riflettono le posizioni dell’editore, né quelle dell’editore sono da intendersi sempre condivise dai collaboratori della rivista.
Tutti i diritti sono comunque e sempre riservati.
© Copyright by Raffaelli Editore - Rimini 2016
RAFFAELLI
EDITORE
Contact
info@terzapagina.com

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter.




Raffaelli Editore

Vicolo Gioia 10 47921 - Rimini (Italia)
Tel (+39) 0541 21552 P.iva 02181230406
Copyright © 2012 by Raffaelli Editore, Rimini :: Tutti i diritti riservati :: Privacy
Software Commercio Elettronico by Pianetaitalia.com